fbpx

Quando e Dove

23 settembre - h 17.30 - Chapiteau GRITO

Prezzi e Riduzioni*

Crediti

di: Giacomo Costantini
con: Giacomo Costantini, Andrea Farnetani
sostenuto da: MiBACT Direzione Generale Spettacolo dal vivo, regione Marche Assessorato alla Cultura

Descrizione

Immaginate due punti nello spazio infinito della vostra immaginazione, uno lo chiamiamo “T” (teoria) e racchiude in se la speculazione filosofica sul concetto di “contemporaneo”, la contestualizzazione storica dell’avvento di un nuovo linguaggio artistico, la riflessione etica sull’uso degli animali al circo, il rapporto tra circo, empatia e neuroni a specchio ed altri approfondimenti teorici.
L’altro punto lo chiamiamo “P” (prassi) ed è l’esibizione di un giocoliere, di un danzatore, di un musicista; è un piccolo laboratorio di Beat Box e di Body Percussion.
Esattamente a metà tra i due punti immaginatene un terzo, lo chiamiamo “V” (vita) ed è il racconto di un circense contemporaneo che mostra gli aspetti di una vita nomade e comunitaria, fatta di lunghi viaggi, frontiere e roulotte, spettacoli, allenamenti e avventure incredibili.
Ora fate bene attenzione: durante la lezione-laboratorio ognuno di voi, facendo perno con un immaginario compasso sul punto “Vita”, dovrà unire nelle due direzioni i punti “Prassi” e “Teoria”, ottenendo cosi una circonferenza sulla quale, senza nessun tipo di permesso burocratico, potrà
montare il proprio circo chimerico contemporaneo.

Bio

Siamo un Circo Contemporaneo all’antica, giriamo l’Europa esibendoci nel nostro chapiteau, abitiamo in roulotte, siamo nomadi e viviamo una vita comunitaria. Per noi il circo deve essere una terra lontana, una bolla temporale all’interno della quale si vive come in un paese straniero. È una scelta di vita, è la rinuncia alle convenzioni e alle frenetiche logiche odierne in cambio di una partecipazione costante alla spinta creativa, alla fantasia, alla condivisione. Siamo cresciuti all’estero perché in Italia non c’era spazio, poi ci siamo presi il rischio di realizzare il nostro piccolo universo e siamo tornati. –
Giacomo Costantini

Circo El Grito è una delle due compagnie italiane di circo contemporaneo riconosciute dal Ministero dei beni e delle attività culturali che, nel 2015, ha ottenuto il punteggio più alto sulla qualità artistica di tutto il settore circo. Con otto spettacoli all’attivo e più di mille repliche in tutta Europa, la compagnia rappresenta un grande motore per la sperimentazione che, codificata sull’irrefrenabile curiosità dei suoi due co-fondatori, l’acrobata Fabiana Ruiz Diaz e l’artista multidisciplinare Giacomo Costantini, spazia tra gli
ambiti della danza, del teatro, della musica e della letteratura. A dieci anni dal loro sodalizio artistico si punta ancora con tenacia ad elaborare un linguaggio di qualità con spettacoli trasversali: è il caso di Piccolo Circo Magnetico Libertario nato dalla collaborazione con il collettivo Wu Ming 2 o progetti come The King of Swing, un cabaret internazionale con artisti tra i quali il “re dello swing” Emanuele Urso. Grazie a questa sua peculiare ricerca Circo El Grito trova il sostegno di Enti e Fondazioni, prima fra tutte la Fondazione Pergolesi Spontini, ente lirico per eccellenza, presso la quale la compagnia migrante trova “casa”. A fine 2017, esordirà la prima di Caffè Bach, un progetto operistico
scritto e diretto dallo stesso Giacomo Costantini.

*

Riduzioni: studenti, under 14, over 65, soci ARCI, Controradio, scuole di circo, gruppi di 8 persone.   

Family: genitori con bambini under 14 (il genitore paga ridotto)

Bambini: under 14

Fino a 3 anni compresi entrata gratuita

Lo stesso giorno 3×2 

Fidelity card: fai la tessera Fantastik all’Info Point, vedi 4 spettacoli il quinto in omaggio

4×4: 4 spettacoli 40.00 € intero; 30.00 € ridotto

Amici: abbonamento tutto il festival 80.00 €